Mediateca

I giochi da tavolo

Dal 27 maggio 2021 la biblioteca offre un'ampia scelta di giochi da tavolo, ogni giovedì e venerdì pomeriggio dalle 16 alle 19 nei locali della mediateca.

Nel rispetto della normativa anti-Covid, è consentito l'accesso alla sala ad un massimo di 12 giocatori.

L'ingresso è libero fino ad esaurimento posti, ma chi preferisce può prenotarsi telefonando ai numeri 039.2893.401 -404 -415 o scrivendo un'e-mail a biblioteca@comune.brugherio.mb.it

Man mano che i giochi verranno catalogati, saranno anche visibili e prenotabili da www.biblioclick.it per giocarci in biblioteca.

Referente del gaming in biblioteca è Valeria Manzoni.

Com'è nata l'idea dei giochi in biblioteca

Grazie alla significativa esperienza dell'estate 2020, che avevamo intitolato IGhirlanda Games, realizzata in collaborazione con l'IncontraGiovani, abbiamo scoperto nel gaming un’opportunità nuova e vincente di fare comunità, e non solo tra i più giovani!

L'amministrazione comunale ha creduto fortemente in questo progetto, sposando il valore educativo, formativo, socializzante del gioco da tavolo. La ludofilia viene offerta come alternativa culturale alla ludopatia, di cui il gioco condivide l'azzardo e la vertigine, ma in un'ottica capace di disinnescarne l'insano potenziale.

Così commenta l'assessora Laura Valli: “Lo scorso anno, nel festeggiare il 60esimo della nostra biblioteca, dicevamo che quello non era un punto di arrivo, ma l'occasione per farne sempre più il luogo pubblico, privilegiato e accogliente, dell'incontro, della socialità, del confronto, della condivisione, dove dev'essere possibile incontrarsi, confrontarsi, progettare, ma anche passare del tempo finalmente e semplicemente piacevole insieme agli altri. È un cambio di prospettiva importante, che rende i cittadini non più solo destinatari di un eccellente servizio, ma frequentatori di uno spazio sempre più polivalente, inclusivo, aperto, accessibile e generatore di comunità. Quale occasione migliore, in questo senso, dell'avere una biblioteca che, letteralmente, si mette in gioco?”

E se, come recita il proverbio africano "per crescere un bambino ci vuole un intero villaggio", questo progetto si realizza grazie allo sprone dell'IncontraGiovani, all'impegno di Floriano Buratti (concittadino appassionato gamer), e al desiderio di… mettersi in gioco di un gruppo di giovani che stanno offrendo la loro collaborazione.
Dice Stefano, 19 anni: “Ho deciso di partecipare perché mi piacciono i giochi in scatola ed è bello conoscere nuova gente”.
Gli fa eco Caterina, 26 anni: “Sono venuta per conoscere persone nuove e imparare il mondo dei giochi di società”.
A loro si aggiunge Paolo Mottauno dei cinque volontari di Servizio Civile Nazionale che lavoreranno in biblioteca nel 2021/2022.

Scarica

torna all'inizio del contenuto