logo comunale

"Il Giunco" Onlus consegna le borse di studio a studenti delle scuole superiori

Data dell'evento: Giovedì 19 settembre 2019
Ora dell'evento: ore 18:00
Luogo dell'evento: Sala conferenze della Biblioteca civica, via Italia 27
icona per la stampa della pagina

L'Associazione "Il Giunco" Onlus anche quest'anno torna a consegnare borse di studio a studenti delle scuole superiori e ad universitari per incoraggiarli nel proseguimento della carriera scolastica e supportarli con aiuti didattici.

In tutto saranno assegnate 17 borse di studio di cui 3 ad universitari.

La cerimonia di consegna delle borse di studio si terrà giovedì 19 settembre 2019, alle 18, nella Sala conferenze della Biblioteca Civica (via Italia 27) alla presenza di autorità cittadine.

Per l'anno 2019/2020 sono pervenute all'Associazione 90 domande di aiuto scolastico e/o economico; quelle accettate sono le seguenti:
 34 frequentanti le scuole primarie (elementari)
 22 frequentanti le scuole secondarie ( medie)
 21 frequentanti le scuole superiori (licei, istituti tecnici e scuole professionali)
 3 frequentanti l'università.

L'intervento più significativo consiste nell'aiuto scolastico con l'impegno dei volontari del Giunco che supportano 1 o 2 ragazzi, 1 o 2 volte a settimana, non solo per il recupero nelle varie materie in cui sono carenti, ma anche dal punto di vista comportamentale, di crescita e di ampliamento delle loro conoscenze culturali.

Le segnalazioni arrivano principalmente dalle scuole dell'obbligo, dai Servizi Sociali o dalle famiglie dei ragazzi che non possono seguire i loro figli per mancanza di tempo o di capacità.

Il Giunco accetta esclusivamente domande da chi non può permettersi lezioni private.
«Un bellissimo lavoro – ci fa sapere la signora Anna Giraudi Rossi - che non tutti i ragazzi riescono ad apprezzare in pieno, in quanto molti sono abituati a recepire la scuola come un noioso impegno. Dove si riesce a far capire il valore dello studio, si ottengono i migliori risultati».

E conclude: «Il lavoro che svolgono i nostri volontari è un vero servizio sociale, ma ne avremmo bisogno di molti di più. Ci appelliamo perciò a coloro che sono docenti in pensione, studenti universitari, o semplici genitori che già hanno seguito i loro figli».